Informazioni personali

La mia foto
Bologna, Italy
Ho 30-equalcosa anni, vivo a Bologna, mia città di adozione, assieme al mio compagno col quale ho messo su famiglia dall'agosto 2007 nonostante la legge non la pensi allo stesso modo. Per me questo blog rappresenta un palco virtuale da cui dar sfogo a pensieri, paure, desideri semi-inconfessabili e seghe mentali! Da qui mi aspetto la possibilità di confrontarmi con altre persone e prospettive...restate sintonizzati!

giovedì 15 marzo 2012

'A cultura non è mai troppo...

La divulgazione scientifica è sempre stata un mio pallino.
Fin da piccolo, quando in tv davano i cartoni su un canale e un documentario sull'altro, mi sentivo talmente contrastato nella difficile scelta che finivo per aggiornarmi sulle abitudini di caccia dei crotali canadesi provando per tutto il tempo a trasformarmi da solo in Daitarn III.
O Creamy, visto che son sempre stato da uova e da latte...
E' per questo che oggi ho deciso di rispolverare la Vulvia di Rieduchescional Ciannel che alberga in me per introdurre, chi ancora non ne avesse sentito parlare, nel dorato mondo dei Diapers.
Un buon divulgatore scientifico sa che deve accendere l'interesse del suo interlocutore con una efficace definizione. Come posso etichettare allora i Diapers se non dei simpatici pisciasotto? Proprio così...
I Diapers sono persone che hanno deciso di eleggere a hobby una vergogna e di sbandierarla con fierezza, pur nell'ambito di speciali consessi nei quali si ritrovano tutti assieme.
La comunità diaperiana è particolarmente attiva ed organizzata e solo per il solito ritardo culturale che ci contraddistingue in ogni cosa, ancora in Italia non ci sono grandi eventi da allagare con la propria presenza.
Nei loro speciali party privati il dresscode è obbligatorio: pannolone e basta.
Nella versione con cravatta per gli chiccosi impenitenti.
Non è che si faccia niente di particolare, se non conversare, mangiare e, ovviamente, immettere tanti liquidi da rilasciare poi spruzzo a spruzzo.
Ovviamente ognuno poi nel chiuso di casa sua fa quello che gli pare e declina il proprio essere paladino dell'incontinenza in vario modo: ci sono quelli che poi se la mostrano l'un l'altro, quelli feticisti che si scambiano il Tena Lady usato, quelli che non disdegnano di farci la popò, ecc.ecc.



In conclusione, non so se fra i gay i Diapers saranno la comunità più presente tanto da diventare i nuovi Bears da qui a un decennio, e credo che, se piscio deve essere, si preferirà servirsi alla spina ancora per un bel po'.
Sta di fatto che, dato che le mode vengono sempre da Milano, se cominciano a diffondersi pannoloni Louis Vuitton o Prada, siamo nella merda.
E non è una metafora...

7 commenti:

Kike ha detto...

secondo me si tratta di criptopedofilia.
Quanto alla "birra", io preferisco la belga. Dopo due o tre Kriek ti attacchi direttamente a garganella: roba da intenditori!!!
Provare per credere!!

A. Oscar Carini Coop ha detto...

il mondo è bello perchè è assolutamente vario! quindi buona vita anche agli incontinenti voluttuosi!

quella sul servizio alla spina è fantastica!

Massi ha detto...

Kike: interessante lettura, in effetti, mica ci avevo pensato...che fortuna averci i lettori che hanno studiato! ;) comunque proverò la birra kriek se la trovo all'iper...

Oscar: poi appena fanno una festicciola a roma o bologna andiamo a sbirciare però...

Barone ha detto...

Questa me mancava... per quanto nella vita uno, nel rispetto altrui, è libero di provare piacere come meglio crede, ma questa proprio mi mancava... mi sembra faccia il paio con quelli che copulano vestiti come dei peluches.

Kriptopedofili? Non mi pare, non sono adulti che si eccitano con dei ... non lo riesco nemmeno a dire: semmai è il contrario, mi pare che siano loro che vogliano apparire, comportarsi ed essere trattati come bambini.

Bah, comunque hasta la spina siempre!...uhm, non era così?
Baci, vi penso sempre :)

Francesco Eftpelagos ha detto...

quando scrivi di "grandi eventi da ALLAGARE con la propria presenza" hai dimenticato una "R" o era la parola giusta visto che si parla di pisciasotto?
Sinceramente spero che questa "moda" resti tale solo oltreoceano... già sono messo male, in quanto solo i "daddy" si sentono attratti da me (e molto raramente mi piaciono)(diciamo uno su tremila... e non vado con così tanti uomini...), se poi devo cambiargli anche il pannolino... amante si, baby amante passi, ma badante, cazzo, NNOOOO!!!!!

Massi ha detto...

Barone: beh...la parola "victoria" battè "spina" di misura quando fecero il televoto... :)

Francesco: hahaha. poi però ne avresti di episodi da raccontare durante cene e aperitivi...

Kike ha detto...

Allora sarai il nostro Manneken Pis.
A la santé!!!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails