Informazioni personali

La mia foto
Bologna, Italy
Ho 30-equalcosa anni, vivo a Bologna, mia città di adozione, assieme al mio compagno col quale ho messo su famiglia dall'agosto 2007 nonostante la legge non la pensi allo stesso modo. Per me questo blog rappresenta un palco virtuale da cui dar sfogo a pensieri, paure, desideri semi-inconfessabili e seghe mentali! Da qui mi aspetto la possibilità di confrontarmi con altre persone e prospettive...restate sintonizzati!

mercoledì 1 settembre 2010

Spento

Che dire?
Non trovo i termini corretti per tradurre i miei pensieri ubriachi. Barcollano nella testa andando a sbattere sulle tempie come pipistrelli senza sonar.
La fine dell'estate e della brevissima parentesi di goduria guadagnata un anno mi sconvolge sempre, a dispetto di tutte le precauzioni che prendo per non farlo capitare.
Una tristezza depressa mi sfloscia il fiato e taglia le gambe ogni volta che torno dall'estero (Barcellona prima di tutto). Tornare in Italia mi sembra sempre un fallimento.
Il solito tran tran mi tedia a ammorba.
Son tornato ad avere come obiettivo principale delle mie giornate lavorative il raggiungere l'ufficio il prima possibile per inserire una tessera di plastica dentro due fessure metalliche per ricavarne un BIP! gracchiante a intervalli cadenzati. In mezzo, solo il controllo di requisiti formali di atti amministrativi, qualche raccomandata e, se mi va di culo, un caffè coi colleghi.
Mi chiedo perché faccio così? Perché non mi arrendo mai all'idea di essere un privilegiato per il solo fatto di avere un lavoro e la salute. Perché ancora bramo cataclismi esistenziali e fughe dal già visto e conosciuto.
Gli anni passano ma portano solo qualche capello bianco e niente saggezza; due rughe in più ai lati del sorriso che mi ostino a indossare, ma nessuna quiete interiore.
Eppure mi devo decidere a provarla questa ennesima fuga, bisogna che tenti almeno ad andare lì dove mi sento vivo e galoppante.
Lo devo all'unica vita che sento di avere e ai palpiti irrequieti che ancora mi graffitano il cuore.

19 commenti:

Pier ha detto...

e come disse qualcuno molto ma molto saggio ...

Tra vent'anni non sarete delusi delle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite.

Mark Twain

un bacino Massi :)

Teo ha detto...

...mal di domicilio....

Esky (Eskandar) ha detto...

Azz,Mass,questa cosa la pensiamo tutti e non osavamo esprimerla ma ora ce la butti in faccia! Immagino serva a poco sapere che è condivisa. Ma questa è la nostra vita e fuggire nn serve a nulla. Dai, buon rientro!

Massi ha detto...

Pier: due bacini caro...

Teo: ...o arresti domiciliari? :)

Esky: Grazie, davvero.

pepito ha detto...

cazzo

Massi ha detto...

sempre evviva il...

Enrico* ha detto...

Esky, non penso che fuggire non serva... Se Massi vuole fuggire, deve farlo (prima o poi)!!

Pensa che brutto quando infelice e vecchio ti ritrovi a pensare: "Chissà come sarebbe stato se..."

Lo so Massi, non aiuta... Ma sono convinto che se vorrai fare una cosa, ci riuscirai!!

Parola di verifica: SESSESTI... O_o

Oscar ha detto...

meno male che non trovi i termini corretti... dio, se sei bravo.

fuga? o forse la fuga è restare fermi. me lo chiedo tutti i giorni.

Massi ha detto...

Enrico: grazie dell'incoraggiamento! :)

Oscar: quando trovi la risposta passala mi raccomando! e non farti vedere dalla maestra!

silvio di giorgio ha detto...

bentrovato :)
personalmente la scelta l'ho fatta...ho mandato tutto e tutti a fare in culo, ho messo da parte le sicurezze per fare quello che sentivo di dover fare. non è stato facile (e non lo è adesso), non ci sono garanzie ma qualche piccola soddisfazione inizia ad arrivare...e mi ripaga di tutto...;) quindi se non sei soddisfatto del tuo lavoro mandalo a fare in culo allegramente. ma prima pensa a quello che vorresti fare davvero...e poi fallo!

Barone ha detto...

Tu spargi il sale sulle ferite, sappilo!
Caro Massi, la vita è fatta di quotidianità e di routine, ovunque tu decida di trascorrerla: siamo sicuri che ciò che adesso ti sembra un cambiamento verso il paradiso non diventerebbe comunque, col passare del tempo, "il solito tran tran", solo da un'altra parte?
E' come viviamo la nostra vita che fa la differenza, non dove, o almeno così la vedo io: se poi quella città rappresenta il posto migliore in cui tu pensi di voler vivere, questo è un altro discorso ed allora vai, ma se pensi di sfuggire alla sensazione di essere fermo, di ripetere te stesso all'infinito e di non trovare più nulla di interessante in quello che fai semplicemente trasferendoti in un luogo che ti aggrada di più, beh... secondo me non stai facendo il percorso giusto, la "cura" durerebbe ben poco.
Sia chiaro, non pretendo di avere la verità in tasca, le mie sono solo riflessioni che ho fatto con me stesso tante volte, e che condivido con te nel caso possano mai interessarti o esserti in qualche modo minimamente utili, ma queste sono le conclusioni a cui sono giunto io.
Metto in campo una ulteriore riflessione: non sarà che, in realtà, nella tua vita non c'è nulla che non vada bene, ma che la sensazione di libertà che noi gay proviamo in determinati posti e che ci regala una sensazione di benessere generale che qui ci manca provoca i turbamenti che hai al rientro? Perchè in tal caso il discorso assume sfumature ancora differenti, e dovresti allora chiederti se questo basterebbe a reggere un simile stravolgimento della tua esistenza...
Un abbraccio stretto stretto, ma proprio streeeeeeetto eh?

p.s. comunque, ovunque tu andrai... non pensare di liberarti così facilmente di noi sai?

Oscar ha detto...

bravo baroncino. ottime riflessioni. e ottima conclusione!!

Massi ha detto...

Silvio: la testimonianza di chi ce l'ha fatta a spezzare le catene mi conforta un sacco. Grazie bello! :)

Barone: per quanto mi riguarda, parlando di Barcellona, è un pò tutto quello che dici, sia riguardo al luogo che mi trasmette continua meraviglia, sia riguardo "all'aria" che tira. So che magari anche lì un impiegato amministrativo ha un lavoro routinario, ma vuoi mettere poter uscire dall'ufficio e andare dritto in spiaggia o fare pausa pranzo al mercato della boqueria mano nella mano col tuo moroso che puoi sposare il mese dopo? quando mi deciderò a fare un breve riassunto della vacanza, ricordati di leggere quello che racconterò a proposito di un certo Riccardo... ;)

Francesco Eftapelagos ha detto...

io sono rientrato in ferie con i nervi a fior di pelle... dietro una faccia da "son 12 ore di treno e sono un pò stanchino"...
quello che senti è semplicemente il classico magone da rientro...
almeno sei andato in un posto che ti piace, io sono andato nel posto dove ho vissuto - male, nonostante gli sforzi - per anni, e dove non metterò piede per i prossimi 5 o 10 anni, e lo dico col cuore ferito perchè li ci abita mia mamma...
Ognuno ha la sua fetta di dolore...
Ti consiglio di ascoltare questo brano in siciliano (amo la sicilia) che poco fa mi ha dato un pò la carica... fammi sapere! :-)

P.S.: @ Pier ---> "fuggire" è un parolone... io fuggo da una vita e sinceramente non è carino definirsi sempre in una specie di esilio costante dall'esistenza... se becco Mark Twain nell'aldilà...
@ Barone ---> Bellissima riflessione :-)

Francesco Eftapelagos ha detto...

io sono rientrato in ferie con i nervi a fior di pelle... dietro una faccia da "son 12 ore di treno e sono un pò stanchino"...
quello che senti è semplicemente il classico magone da rientro...
almeno sei andato in un posto che ti piace, io sono andato nel posto dove ho vissuto - male, nonostante gli sforzi - per anni, e dove non metterò piede per i prossimi 5 o 10 anni, e lo dico col cuore ferito perchè li ci abita mia mamma...
Ognuno ha la sua fetta di dolore...
Ti consiglio di ascoltare questo brano in siciliano (amo la sicilia) che poco fa mi ha dato un pò la carica... fammi sapere! :-)

P.S.: @ Pier ---> "fuggire" è un parolone... io fuggo da una vita e sinceramente non è carino definirsi sempre in una specie di esilio costante dall'esistenza... se becco Mark Twain nell'aldilà...
@ Barone ---> Bellissima riflessione :-)

Massi ha detto...

Francesco: non trovo il brano!!! :)

ZURICANO ha detto...

mmm...
segue mail.

Francesco Eftapelagos ha detto...

ecco il link:
http://www.youtube.com/watch?v=CYgVHf8xW2A
se vuoi la traduzione:
http://www.youtube.com/watch?v=dvV8TaLOV-Y&feature=related

Buona visione! :-)

Vianne ha detto...

Bentrovato Massi... Mi sei mancato! Hai espresso così bene quello che provo io ogni volta che torno dalla casa estiva dei miei(a 20'di macchina da Sitges)...e fondamentalmente la domanda é ...ma perchè cazzo torno?????!!!!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails